side-area-logo
Squash, divertente e brucia grassi!

Pantaloncini corti aderenti, polsino e fascia coordinati, polo bianca sudata di fatica: lo squash richiede uno sforzo fisico importante ma è anche tra le discipline sportive più salutari e divertenti 😉

squash-divertente-brucia-grassi

Lo Squash nasce agli inizi dell’800 come passatempo dei detenuti nelle carceri londinesi e successivamente approdato nei college più esclusivi. In Italia fa la sua prima apparizione verso la fine degli anni ’70 con il primo squash center a Bologna. Dopo una fase iniziale in cui l’immaginario cinematografico ne ha diffuso un’idea legata al potere, lo squash non è più appannaggio esclusivo dei ricchi e potenti nel loro tempo libero. Oggi viene invece praticato da chiunque abbia voglia di perdere peso, allontanare lo stress, tonificare tutti i muscoli del corpo, ma soprattutto divertirsi.

Come si  gioca?

In un campo da gioco indoor i giocatori si alternano nel colpire la pallina contro un muro frontale senza oltrepassare i limiti stabiliti. Lo scopo del gioco consiste nel far cadere l’avversario in errore quando la pallina viene colpita dopo più di un rimbalzo, viene mancata, oppure cade fuori dal campo. L’incontro è strutturato in 5 game. Il giocatore che raggiunge prima i 9 punti si aggiudica la vittoria. Le partite hanno una durata che varia dai 30 minuti a due ore e gli intervalli tra i game hanno una durata di 90 secondi.

Quante calorie si bruciano?

Lo squash è lo sport che coinvolge tutti distretti muscolari dalle gambe e glutei, ai muscoli del tronco e delle braccia andando ad agire sulla resistenza, forza, velocità, concentrazione, tempismo e tattica di gioco. In una partita si bruciano in media dalle 800 alle 1000 calorie circa,  ragion per cui viene considerato lo sport di rimbalzo più rapido con tanti scatti, salti e movimenti.

Curiosità tecniche

I benefici dello squash sono molteplici. A confermarlo è Marcus Berrett, direttore tecnico della nazionale italiana di squash, che lo definisce una “partita a scacchi a 180 bpm“; una vera e propria sfida ad altissima intensità fisica in cui non esiste una tecnica assoluta, ma conta l’abilità del giocatore di adeguarsi alle situazioni. I colpi sono il dritto, il rovescio, la volée, la smorzata, il pallonetto, le sponde, il lungo linea e i tiri incrociati. Ma niente paura, tutti i colpi possono essere migliorati e personalizzati con il giusto allenamento.

La racchetta si differenzia da quella utilizzata per il tennis per la lunghezza e per avere più spazio per le corde. La forma più squadrata aiuta i giocatori a colpire meglio la pallina anche quando questa è vicina al muro. La pallina invece ha le dimensioni di una pallina da golf, ma il fatto curioso è ciò che si trova al suo interno: un piccola goccia d’acqua che ne aumenta la capacità di rimbalzo.

Effetti benefici nel tempo!

Per ottenere risultati visibili, sia sul punto vita che sull’intera silhouette, è necessario avere costanza e praticare questo sport con regolarità. Il metabolismo energetico attivato dallo squash richiede potenza aerobica alternata ad un’attività anaerobica, che asciuga la linea, migliora la coordinazione e stimola i riflessi.

Insomma questo sport offre la possibilità di scaricare tensioni e stress senza dimenticare il divertimento e lo svago!

Prima di una partita dove sfiderete l’avversario che non riuscite mai a battere, potreste provare uno snack gustoso, leggero e proteico della Linea Pesoforma BeActive! Cinque barrette in 5 gusti diversi fra cui scegliere, tutte studiate appositamente per fornire energia in proteine, fibre, vitamine e minerali, di cui ha bisogno un vero sportivo! 🙂

Redazione

Leave a reply

Facebook